martedì 11 novembre 2014

L'ultimo rifugio dei vigliacchi è la comunicazione

Esistono i professionisti della comunicazione. Quelli che, se uno vuole esprimere un concetto, si rivolge a loro. E loro trovano il modo con cui vendere questo concetto. Gli trovano un abito alla moda e glielo mettono, gli fanno un bel taglio di capelli, sempre alla moda, e ci spruzzano sopra pure un po' di profumo, di quelli giusti. Se hai un concetto, un'idea da esprimere, devi rivolgerti a loro e loro te li rendono "cool". Il loro lavoro è fondamentale, perchè la comunicazione nel 2014 è tutto. Tu puoi averci la migliore idea del mondo, il concetto più intelligente del mondo, ma se non lo comunichi bene, sei spacciato. Non arriva. La gggente non ti capisce. E allora se hai un'idea o un concetto da esprimere, mettiti nelle loro mani.
Mi pare di avvertire in sottofondo, uno strano mormorio. Forse qualcuno ha un'obiezione. Prego, esprimete la vostra obiezione. Ognuno ha il diritto di esprimere la propria opinione. L'importante, come diceva Biscardi, è non accavallarsi. Qual è l'obiezione? Dal fondo della sala emerge una voce, fioca ma chiara. Un tizio sostiene: " D'accordo. Il problema è che io ho un'idea esattamente opposta. Il concetto che io vorrei esprimere è perfettamente contrario." Il solito studentello con la testa tra le nuvole. Uno che non ha capito un cazzo. Esistono i professionisti della comunicazione. Sempre quelli di prima. A loro ti devi rivolgere. Solo così potrai rendere il tuo concetto cool. E vincente. Questo è il mondo della comunicazione, bellezza.
Ed è così che nel cosmo librano e s'innervano grumi e agglomerati di concetti. Uno sull'altro. Che non li puoi manco più distinguere e separare uno dall'altro. Come fossero nuvole. Come fosse aria. Come fosse niente. Cumuli di spazzatura impastati col niente, ma comunicati con grande cura e sagacia. E quindi vincenti.
Nel prossimo post parlerò di politica. Queste erano solo considerazioni politiche abbastanza impolitiche.

Nessun commento:

Posta un commento