lunedì 25 giugno 2012

Idee di democrazia grillesche e idee cirilliche

Beppe Grillo in risposta ad un editoriale di Scalfari su Repubblica ha pubblicato questa postilla sul suo blog:

Ps: Io non ho proposto l'uscita dall'Euro come vorrebbe Scalfari, che incassa la pensione da ex parlamentare, ma un'analisi di costi e benefici reali dettagliata prima di proseguire su una strada che dei premi Nobel, non un miserabile demagogo come il sottoscritto, ritengono insensata. La mia idea di democrazia, comunque, è che una decisione così importante come l'ingresso nell'euro andasse a suo tempi sottoposta a referendum, non decisa sopra le teste degli italiani.  
Beppe Grillo

Io, nel mio piccolo, ho un'idea di democrazia un po' diversa e ho pubblicato su quel blog questo commento:

Ritengo che corrisponda a un'idea di democrazia alquanto balzana prevedere e sostenere che le decisioni di politica monetaria vadano sottoposte a referendum. La costruzione dell'Europa e la sue speranze di salvezza derivano dalla capacità che essa avrà di liberarsi dal nodo scorsoio stretto al collo dei cittadini europei per mano della finanza e della politica senz'anima che finora l'ha governata. La parola più adatta a sciogliere questo nodo scorsoio è senza dubbio "democrazia". Il punto è che democrazia non significa mettere la crocetta in un referendum. E soprattutto democrazia non significa che i cittadini devono mettere una crocetta per scegliere se vogliono l'euro o la lira.
La democrazia si realizza quando i cittadini sono in grado di poter esprimere un governo che li rappresenti e questo governo sia in grado di prendere responsabilmente scelte di politica monetaria, tenendo ben presente che è la moneta a dover essere al servizio della politica e soprattutto dei cittadini.


Raffaele Cirillo

Il post completo di Grillo a cui questa postilla e il mio commento si riferiscono è rintracciabile ovviamente sul famosissimo blog del momento.

Nessun commento:

Posta un commento